• HOME
  • CHI SIAMO
  • MANUELE
  • IL VOSTRO SPAZIO
  • LINKS AMICI
  • CONTATTACI
  • IL LIBRO

MESSAGGI

AMORE INFINITO



06.10.2006

La vostra identità è l'anima



Sono io, Manuele.

Sono qui perché Dio ha concesso che possa portare avanti il compito terreno con voi, cioè illuminarvi e aiutarvi ad andare avanti con la spinta di un Angelo che conoscete bene, il quale sono io, Manuele.

Nelle giornate vostre leggo molti pensieri, a ciascuno la propria preoccupazione, tristezza o gioia che sia, e in tanti conoscenti il pensiero di me, di un aiuto dall’Alto, di intercedere, e invocano il mio nome, mi ricordano, anche se non hanno la minima idea di quel che sono io ora.

Domanda: Mi sto chiedendo il perché, dopo sono e prima del suo nome, aggiunge la parola “io” e lui leggendo il mio pensiero così risponde:

Lo so che la parola “io” è di più, perché "sono" è già appartenente a me, ma volevo marcare il mio “io” perché vi sia ben chiaro che io continuo ad esistere e che la mia identità è questa; il mio essere e la mia natura non mutano, ma cambia ogni frazione di secondo il mio stato di luce, la mia conoscenza riguardo quel che non si sa, e tante risposte a tanti perché sono rivelate da Dio per me.

(Disegna un bel fiore e così continua:)

Ecco, prendi, mamma, e tienilo come tu sai fare, poi fai annusare il suo profumo a papà e che sia sempre questo, che rimanga questo aroma forte affinché non dobbiate fare fatica per inalarlo.

Io sono vostro Manuele e sono qui perché il Signore lo vuole, nella Sua immensità non dimentica niente e nessuno, ha tutti a cuore.

Vorrei scrivere con l’anima vostra e dettare la mia voce al vostro cuore perciò apritelo!

Spesso lo trovo chiuso e Dio mi fa capire che in quel momento devo andare a occuparmi di altro, di quaunque cosa Egli voglia, perché Lui sa dove si può entrare, dove un compito si può svolgere, ma vi penso nell’ immagine delle vostre vite, vi vedo nei gesti.

Se soltanto voi sapeste quanto è chiara la maniera in cui vi vedo, correggereste molti atteggiamenti!

Ma, non temete, io vedo in maniera diversa e vi guardo con occhi puri, occhi che non giudicano, ma che cercano di guardare ben chiaro più in là della vostra mente e del vostro pensiero e arrivano dentro al cuore.

Ma il cuore è un’impronta; la vostra identità, è l’anima, ed è lì che io vado a finire, perché posso intuire e vedere cose che raramente voi sapete di voi, ma che la vostra anima conosce.

Non crediate che siete una sola cosa perché non lo siete; il corpo e l’anima sono un' unione, ma l’equilibrio rimane nella mente. E' lì che deve esserci.

Il cuore è la dispensa delle vostre emozioni ed è lì che dovete andare quando vi sentite persi perché ci sarà sempre verità.

Questo luogo è ricco di ogni stato d’animo: ha preso un po’ di tutto e lo custodisce per voi, perché ogni volta che bussate in quel posto, vi ricordate quel che avete dentro e non lo dimenticate.

(Disegna una lunga scala che sale verso un cuore, poi continua:)

Non è così difficile e faticoso vedere nel proprio cuore: basta aprirlo con la chiave, quella che soltanto ognuno sa dov’è.

(Disegna un cuore con dentro una serratura e una chiave.)

Tornerò per voi.

Manuele





Back to top Indietro Torna su Torna su Torna alla Home Page Torna alla Home